• Costruttori di futuro. Nella nostra terra

Next Generation EU

La Commissione europea, il Parlamento europeo e i leader dell’UE, hanno concordato un piano di ripresa che aiuterà l’Unione europea a riparare i danni economici e sociali causati dall’emergenza sanitaria da coronavirus e contribuire a gettare le basi per rendere le economie e le società dei paesi europei più sostenibili, resilienti e preparate alle sfide e alle opportunità della transizione ecologica e digitale.

Con l’avvio del periodo di programmazione 2021-2027 e il potenziamento mirato del bilancio dell’Unione europea, l’attenzione è posta sulla nuova politica di coesione e sullo strumento finanziario denominato NextGenerationEU, uno strumento temporaneo da 750 miliardi di euro pensato per stimolare una “ripresa sostenibile, uniforme, inclusiva ed equa”, volta a garantire la possibilità di fare fronte a esigenze impreviste, il più grande pacchetto per stimolare l’economia mai finanziato dall’UE.

L’intera iniziativa della Commissione europea è strutturata su tre pilastri:

  1. Sostegno agli Stati membri per investimenti e riforme
  2. Rilanciare l’economia dell’UE incentivando l’investimento privato
  3. Trarre insegnamento dalla crisi

Con il NextGenerationEU, le Istituzioni europee mettono quindi a disposizione degli Stati membri e dei cittadini europei le risorse economiche necessarie alla ripartenza, focalizzando però l’attenzione sul futuro dell’Europa e attraverso investimenti per ridisegnare le prospettive dell’Unione per le prossime generazioni.

Link: https://ec.europa.eu/info/strategy/recovery-plan-europe_it