fbpx
  • Costruttori di futuro. Nella nostra terra

Fondo per una transizione giusta: un miliardo di euro per Taranto e la Sardegna

Il 20 dicembre 2022, la Commissione europea a approvato il piano territoriale italiano per la transizione climatica.

L’Italia riceverà quindi un miliardo di euro nell’ambito del Fondo per una transizione giusta per incoraggiare la diversificazione economica e la creazione di posti di lavoro in settori verdi, tra cui quello dell’energia rinnovabile a Taranto (Puglia) e nel Sulcis Iglesiente (Sardegna). I due siti invididuati dal Governo Italiano rispondono a precise caratteristiche ambientali, sociali ed economiche svantaggiate tali per cui la Commissione europea li ha ritenuti idonei a ricevere un ingente supporto economico finalizzato ad innescare un nuovo ciclo di sviluppo sostenibile.

Nello specifico, la transizione climatica della provincia di Taranto è condizionata dalla presenza della più grande acciaieria d’Europa: Acciaierie d’Italia (ex Ilva). Per trasformare la produzione dell’acciaio è indispensabile introdurre nuovi modelli imprenditoriali, garantire una maggiore disponibilità di energia rinnovabile e di idrogeno verde e riqualificare la forza lavoro. Per raggiungere questi obiettivi nell’area jonica, il Fondo per la Transizione giusta:

  • supporterà la riqualificazione di 4 300 lavoratori impiegati nel settore siderurgico, in vista di un loro reimpiego in posti di lavoro verdi connessi alla transizione verso l’energia pulita e all’economia circolare
  • rafforzerà i servizi sociali, al fine di valorizzare il potenziale delle donne attualmente escluse dal mercato del lavoro e garantire un’assistenza alle persone più vulnerabili
  • sosterrà la costruzione di turbine eoliche, lo sviluppo di idrogeno verde e la produzione di impianti geotermici per gli edifici della provincia, al fine di assicurare la disponibilità di energia rinnovabile per le attività economiche e residenziali a prezzi accessibili
  • finanzierà la realizzazione di centri servizi che aiuteranno le PMI a diversificare la propria attività economica per sviluppare nuove competenze
  • concorrerà alla creazione di una cintura verde intorno alla città di Taranto così da permettere a parchi urbani e aree naturalistiche di ripristinare terreni degradati e assorbire CO2.

Nell’approvare il piano territoriale dell’Italia per una transizione giusta, il Vicepresidente della Commissione europea con delega al Green Deal, Frans Timmermans ha dichiarato:

“La transizione verso la neutralità climatica è necessaria per dare ai nostri figli e nipoti un futuro su questo pianeta… Ecco perché il presupposto su cui si basa il Green Deal consiste nel dimostrare che è possibile realizzare una transizione socialmente equa… A Taranto, il Fondo per una transizione giusta promuoverà la produzione di energia rinnovabile pulita e a basso costo e darà il via allo sviluppo dell’idrogeno verde nella regione… La Commissione europea è dalla parte dell’Italia nel costruire un futuro verde, sostenibile e sano per tutti”.

Il Fondo per una transizione giusta (Just Transition Fund, JTF) è lo strumento finanziario inserito nel quadro della politica di coesione dell’Unione europea per sostenere i territori che affrontano imporanti sfide ambientali, sociali ed economiche connesse alla transizione verso la neutralità climatica.

Il Centro EUROPE DIRECT Taranto è impegnato a promuovere le misure adottate dall’UE per incentivare lo sviluppo sostenibile del nostro territorio e accompagnerà gli attori locali nel cogliere questa nuova opportunità offerta dall’Unione europea.

Maggiori info: Politica di coesione dell’UE: un miliardo di € per una transizione climatica giusta in Italia